Sbilf Friulano

Sbilf Friulano

Gli Sbilfs sono folletti immateriali e ubiquitari che si trovano everywhere e nowhere, in prati, radure, boschi, ruscelli, e… vigne. La vicenda del Friulano li ha sbilfati almeno quanto i Friulani ma, come è nella loro quasi infantile natura si sono presto ripresi e, in divisa rossa o verde da giullari medioevali con berretto tintinnante di campanellini, cantano le lodi di questo vino. Sono troppo piccoli per essere visti e sentiti? Questo lo dite voi…

Nome del vino: SBILF Friulano 100% – Denominazione Origine Controllata – Friuli Colli Orientali.
Vitigno: Otto biotipi antichi di Tocai Giallo, tra cui 300 piante di Tocai Giallo dal Peduncolo Rosso.
Età viti: 10 anni.
Territorio: Vigneti terrazzati, terreni marnosi con buona presenza di arenaria, esposti a sud-ovest, altitudine 150-180 mt s.l.m.
Sistema di allevamento: Guyot classico monolaterale 4-5 germogli produttivi per ceppo.
Produzione: 30-35 ql / ha.
Vendemmia: Manuale in cassetta con successivo controllo su banco di cernita vibrante.
Vinificazione: Una parte delle uve viene pressata a grappolo intero ed il mosto fatto decantare a freddo per meno di 24 ore per poi essere travasato in vasche di cemento, mentre una parte viene fatta fermentare sulle bucce per 4-5 giorni in tinelli di rovere ed alla fine le due parti vengono unite. Dopo la fermentazione, il vino viene lasciato sulle fecce nobili per circa 20 mesi con battonage periodico, in vasche di cemento.
Affinamento: Il vino viene imbottigliato e lasciato riposare per circa 12 mesi prima di essere commercializzato.
Colore: Giallo oro.
Temperatura di servizio: 14°C.

Sfoglia il catalogo                       Download PDF:   Scheda        Catalogo

 

Per info e ordini: info@lisfadis.com